La fotografia e i Fotografi

A Trieste Urban 2015, concorso di street photography

Scritto da Riccardo Pirana • Lunedì, 16 marzo 2015 • Commenti 0 • Categoria: Concorsi

L'1 aprile 2015 si apriranno le iscrizioni al concorso internazionale di street photography URBAN 2015, promosso dall'associazione culturale dotART di Trieste.

Giunto alla sua sesta edizione, URBAN ha come tema principale la vita quotidiana della città vista attraverso le “foto artistiche di strada”: immagini immediate, reali, che colgono scorci, persone, volti, strade, edifici e altri elementi in grado di raccontare una storia ambientata nel tessuto urbano. URBAN svela la città e i suoi segreti.

Torna anche la sezione Stories & Portfolios, nella quale si può proporre una sequenza di immagini che raccontino una storia dal tema libero.

Per partecipare basta seguire la procedura nelle sezioni Upload e Upload Stories. Le foto dovranno essere inviate entro e non oltre il 31 maggio 2015. Leggi il regolamento.


>>Continua a leggere "A Trieste Urban 2015, concorso di street photography"

1907 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

A Trieste le "Cinegrafie" di Roberto Caielli

Scritto da Riccardo Pirana • Martedì, 20 agosto 2013 • Commenti 0 • Categoria: Mostre

Cinegrafie è l'ultimo lavoro del fotografo Roberto Caielli e sarà presentato ed esposto in anteprima a Trieste dal 12 al 18 settembre. L’iniziativa è parte del Festival Internazionale del Cinema e delle Arti "I mille occhi" ed è realizzata in collaborazione con lo Studio Tommaseo di Trieste.

La "cinegrafia" è la fotografia di un film. Ogni immagine rappresenta in una singola fotografia un intero film. La cinegrafia viene realizzata con una fotocamera digitale che fotografa il film proiettato attraverso un monitor, utilizzando un tappo con foro stenopeico al posto dell'obiettivo.

"La scelta dei film fotografati - dice Caielli - è stata in gran parte casuale, istintiva. In pratica si può fare la fotografia di qualsiasi film, e la si può fare sempre diversa, esattamente come quando si fotografano una persona o un paesaggio. La fotografia spiega in un certo senso il film, ne rivela i contenuti ".
“L'idea - spiega il fotografo - mi è venuta leggendo un classico della storia della fotografia, Pittura fotografia film di László Moholy-Nagy. Il lavoro è cominciato per gioco, fino a scoprirne le potenzialità estetiche e filosofiche. La cinegrafia considera il film come un grande paesaggio che ha dimensioni, spazio e tempo".


>>Continua a leggere "A Trieste le "Cinegrafie" di Roberto Caielli"

2092 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!