La fotografia e i Fotografi

La naturalezza del ritratto realizzato in casa

Scritto da Riccardo Pirana • Giovedì, 20 dicembre 2012 • Categoria: Fotografi



Luke Pickerill di www.pickerillcreative.com e www.ExpertPhotoTraining.com condivide il suo punto di vista sull'argomento "Ritratti in Studio Vs. Ritratti in Location". Le foto di Luke non sono mai noiose e si capisce che lui ama andare in giro per fare il suo lavoro! Guarda alcuni backstage dei suoi shooting sul suo blog.


Preferisco ritrarre i miei clienti e le loro famiglie a casa loro piuttosto che in studio. Prima di tutto perché le riprese in studio sono noiose. Appendere un fondale, preparare le luci, illuminare, misurare la luce. Regolare i flash, misurare... che NOIA!

Scattare in casa dei clienti mi dà molti più spunti e lo stimolo per risolvere problemi sempre nuovi. Inoltre i bambini più piccoli sono più rilassati quando sono a casa loro. È un luogo familiare dove essi si sentono a proprio agio. Anche i ragazzini
a casa sono più spontanei che in studio o in location, dove tra l'altro sono attratti dalle molte distrazioni che un ambiente simile offre loro.

Prima di andare a casa dei clienti per fare delle foto mi informo sempre facendo un sacco di domande come:


• La stanza ha finestre?

• Quanto è grande la stanza?
• Qual è la dimensione delle finestre?
• La stanza riceve la luce diretta del sole?
• Di che colore sono le pareti?







Anche quando sono soddisfatto da tutte le risposte e penso che la luce disponibile sarà ottima, porto comunque i miei flash e soprattutto il mio Qflash perché il più delle volte le mie aspettative sono deluse quando mi rendo conto direttamente delle reali condizioni nelle quali devo lavorare. A volte l'orario non è il migliore per la luce, o magari le pareti sono verdi e danno alla luce un colore sgradevole ... Insomma, sono sempre pronto a creare una bella luce anche quando non c'è.







Per tutti questi scatti ho usato un Qflash con l'aiuto di un ombrello e due Canon 580 EXII. Qflash mi  piace molto come luce principale in questo tipo di ambiente perché posso regolarlo a una potenza molto bassa ottenendo tempi di ricarica rapidissimi, fondamentali quando si fotografano i bambini.

I 580 sono ottimi perché posso distribuirli per la stanza su supporti Tv, mensole o qualsiasi altro elemento d'arredo senza bisogno di portarmi degli stativi in più. Ho usato i due 580 come luci di riempimento per la camera. Li ho sistemati su lati opposti della stanza proiettati verso il soffitto valorizzando piacevolmente i dettagli che volevo.
1/100sec - f/2.8 - 800 Obiettivo: 50mm f/1.4
1/100sec - f/3.2 - 800 Obiettivo: 70-200mm f/2.8

In questo modo, poi, muovendomi per la stanza posso spostare come voglio il mio Qflash principale. Ho azionato tutto in modalità manuale, utilizzando lo scatto remoto radiocomandato.



Guarda le altre foto-->
2076 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento
L'autore non consente commenti a questa notizia