La fotografia e i Fotografi

Ottenere effetti con il vetro cemento

Scritto da Piero Principi • Venerdì, 23 marzo 2012 • Categoria: Tecnica


Questo strano elemento tipico del mondo dell’edilizia, trova un felice utilizzo anche in uno studio fotografico.
Essendo realizzato con una coppia di vetri deformati, se un raggio di luce lo attraversa, subirà una deviazione dovuta proprio alla forma irregolare del vetro.


In questo caso è assolutamente obbligatorio l’utilizzo del cono concentratore, l’unico accessorio che genera un fascio di luce diretta a raggi paralleli. In fotografia possiamo utilizzarlo in due modi, uno è con il cubo appoggiato ad un piano retroilluminato dal cono.

Come si può vedere, l’effetto è quello di un’illuminazione zonale che ben si presta per una foto di oggettistica appoggiata al piano con un effetto di luce a macchia. L’altro utilizzo è quello di poter illuminare un fondale colorato con il cono concentratore ed il cubo di vetro cemento.

L’effetto è molto gradevole e basta spostare di un solo centimetro il cubo per avere un risultato diverso. La foto del clown d’argento ha il fondale illuminato proprio in questo modo. Con l’avvento della fotografia digitale, possiamo divertirci a creare dei veri e propri fondali virtuali fotografando con fondale grigio illuminato con questo originale sistema.



Basterà fare vari tentativi per avere forme diverse ed intensità diverse; dopodiché, utilizzando un programma per il fotoritocco potremo anche inserire il colore desiderato, una sfumatura, una sfocatura e qualsiasi altra diavoleria che la nostra fantasia sarà in grado di suggerirci.

Tratto dal volume Illuminare, di Piero Principi


3792 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento
L'autore non consente commenti a questa notizia